Archive

Archive for febbraio 2010

Maratona di Verona

Ecco la prima uscita dell’anno. Missione compiuta!!

La Maratona scaligera è fatta. Ma che dura! Non ci si ricorda mai quanto sia difficoltosa portare a termine una maratona. Beh questa volta era mia intenzione finirla senza pensare al tempo. Comunque il tempo finale è di 3h48′ circa.

Qui i miei parziali.

Bella giornata, non fantastico il percorso, per molta parte lungo l’Adige, non eccezionale neanche l’organizzazione, un po’ complicato l’arrivo agli spogliatoi e alla consegna della borsa (piccolissima in cui non ci poteva stare manco una giacchetta, visto il freddo, un minus) poca gente lungo il percorso.

Una cosa che mi ha dato molto fastidio: ai ristori l’acqua solo in bicchiere per le prime soste. Provare a bere l’acqua da un bicchiere in corsa è una bell’impresa. Solo alla fine era disponibile l’acqua in bottiglietta da mezzo litro. Io sono  previdente è ho un marsupio in cui la bottiglietta ci sta perfetta (così bevo a sorsi e finisco la bottiglia invece di riempirmi in un sorso e buttare via la bottiglia mezza piena).

L’arrivo con passaggio nell’Arena al 42° km è maestoso e vale mezza gara. Peccato che uno all’arrivo magari se lo godesse poco.

Prossima gara: mezza del lago Maggiore tra 2 settimane.

Il tapis roulant. Mon amour

Non c’è nulla di più noioso che correre sul tapis. Non c’è, però, nulla di più fastidioso di correre al freddTreadmill Runningo sotto la neve, sulla stradaghiacciata.
Insomma alla fine tra tapis in palestra e freddo, neve e ghiaccio uno sceglie il tapis, il caldo in palestra. Almeno io.
Certo che finchè si fanno ripetute da 1 minuto il tappeto è perfetto, magari anche da 3-5 minuti. Quando invece come oggi fai un progressivo è una rottura di scatole indicibile.
Siccome la maratona di Verona si avvicina, a meno 3 settimane dalla gara gli allenamenti si fanno meno “furiosi”. Oggi 15-20 minuti con frequenza cardiaca tra i 135-145. Poi 40 minuti tra i 155 e i 165.
Quei 40 minuti sono interminabili. In palestra c’è la tv, ma guardare la tv mentre corro non è cosa per me. Ho la musica, i podcast. Oggi mentre correvo ascoltavo America 24 un podcast di Radio 24, Nova 24, altro podcast di Radio 24 e poi Americana della Bbc.
Le cuffie che ho comprato a Singapore perfette per ascoltare musica (ma fino a Singapore uno deve andare per comprare delle cuffie da incastrare nel lobo?? Prezzo 19 $ di Singapore, circa 10€) mentre corro stanno sfiatando e incominciano a perdere il segnale dalla sinistra, per cui diventa difficile ascoltare bene. In più ogni tanto il segnale torna, sembra un gioco per testare l’udito.

E’ possibile che sia sempre tutto così complicato?? Uno non può correre e ascoltarsi qualcosa in radio o dei podcast? Purtroppo non è così.
Certo che in primavera tra un paio di mesi sarà tutto diverso, natura rigogliosa, temperatura tiepida. Il problema del tapis roulant non si porrà più, tantomeno della musica da ascoltare.

Intanto evviva la palestra!!!